L'allattamento al seno per due mesi a metà il rischio di SIDS

 
Anonim

Secondo una nuova ricerca, solo due mesi di allattamento al seno possono dimezzare il rischio di un bambino di sindrome della morte improvvisa infantile (SIDS).

I ricercatori dell'Università della Virginia hanno analizzato i risultati di otto studi internazionali su SIDS.

Lo studio di ricerca, pubblicato sulla rivista Pediatrics, comprendeva oltre 2000 casi di SIDS e quasi 7000 neonati di controllo.

Dopo essersi adattati a variabili che potrebbero altrimenti distorcere i risultati, i ricercatori hanno scoperto che i bambini allattati al seno per almeno due mesi hanno visto una significativa riduzione del rischio di SIDS.

L'allattamento al seno per meno di due mesi non offriva lo stesso beneficio.

Il legame tra l'allattamento al seno e una riduzione del rischio di morte improvvisa (SIDS) non è una nuova scoperta. È noto da tempo che i bambini allattati al seno hanno meno probabilità di cadere vittime di SIDS.

Tuttavia, questo studio è il primo a identificare una durata minima dell'allattamento al seno che riduce il rischio.

Lo studio ha anche dimostrato che l'allattamento al seno per più di due mesi consente un'ulteriore protezione dalla SIDS. I ricercatori hanno scoperto che i bambini non devono essere allattati esclusivamente per ricevere il beneficio; anche i bambini allattati al cibo hanno condiviso il rischio ridotto.

Il numero delle morti per SIDS si è ridotto considerevolmente negli ultimi venti anni; è ancora, tuttavia, la principale causa di morte nei bambini di età compresa tra uno e 12 mesi.

La dott.ssa Fern Hauck e la dott.ssa Rachel Moon, due dei ricercatori coinvolti nello studio, sono apparsi su Facebook Live per discutere le loro scoperte.

Durante il video, il dott. Hauck ha spiegato: "Non sappiamo esattamente quale sia la causa della SIDS. Sappiamo quali sono i fattori correlati ai maggiori rischi di SIDS. Abbiamo alcune teorie su ciò che lo causa. Si ritiene che sia un difetto in qualche parte del cervello che si verifica in utero che probabilmente influisce sul meccanismo di eccitazione del cervello. Quindi se un bambino si trova in una situazione non vantaggiosa

il bambino non risponde in modo appropriato e quindi non gira la testa o sussulta ".

Ha continuato, "(Con) il periodo di due mesi

c'era una riduzione del 40% circa del rischio, quasi la metà, e poi con quei due o quattro mesi in più, e da quattro a sei mesi, si aggiungeva un po 'più di protezione, quindi era vicino a una riduzione del 60%. Quindi, la buona notizia è che devi solo allattare al seno per almeno due mesi per ottenere una buona protezione, ma se continui ad allattare, ne otterrai ancora di più ".

Il dott. Moon ha aggiunto: "E raccomanderemmo comunque di continuare ad allattare, perché sappiamo che più allatti al seno e più a lungo allatti al seno, maggiori sono i benefici per il bambino, non solo per quanto riguarda la SIDS ma per quanto riguarda tutta la protezione che l'allattamento al seno offre ".

Il dott. Hauck ha riassunto i risultati, dicendo: "Penso che le notizie siano davvero grandi, che le mamme dovrebbero essere incoraggiate da questo. Vogliamo incoraggiare tutte le madri ad allattare i loro bambini il più a lungo possibile. Il pezzo incoraggiante è anche se si allatta per due o più mesi, avranno qualche beneficio. Quindi non dire: "Torno al lavoro tra due mesi, quindi non allatterò affatto". Penso che sia un risultato critico da questo studio ".

Guarda il video in diretta di Facebook qui.