Il governo dovrebbe trattare lo zucchero come le sigarette?

 
Anonim

Un "disastro al rallentatore" è come Margaret Chan, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, descrive l'obesità e l'epidemia di diabete.

In molti paesi sviluppati, l'epidemia di obesità è una delle maggiori crisi di salute pubblica che devono affrontare. Più del 70% degli adulti in alcuni paesi sono sovrappeso.

Public Health England (PHE) riconosce che qualcosa deve essere fatto. In quanto tali, stanno prendendo di mira il consumo di zucchero nei bambini per aiutare a frenare questa epidemia. Entro il 2020 vogliono ridurre la quantità di zucchero consumata del 20%. Ma è abbastanza?

Il governo dovrebbe trattare lo zucchero come le sigarette?

Un pezzo scritto dice no. La PHE spera di indurre i produttori di alimenti e bevande a ridurre volontariamente la quantità di zucchero nei loro prodotti. L'autore, Gary Traube, è molto dubbioso e questo farà molto, se non altro, nell'obesità e nell'epidemia di diabete.

Crede che lo zucchero debba essere trattato nello stesso modo in cui le sigarette vengono manipolate. Sarebbe davvero utile? L'intervento del governo è davvero necessario?

Che cosa vuole fare la PHE per ridurre l'obesità e il diabete?

Le linee guida sulla salute consigliano ai bambini di consumare un massimo di 24-30 g di zucchero al giorno. Tuttavia, il bambino medio sta consumando tre volte l'importo raccomandato.

Il diabete di tipo 2 una volta era considerato una malattia di mezza età. Si è visto quasi esclusivamente in adulti sovrappeso, di mezza età o anziani. Ora lo vediamo in proporzioni epidemiche nei bambini.

Una tassa sulla bevanda zuccherata viene implementata nella speranza che incoraggi le persone a consumare meno zucchero e incoraggiare i produttori a creare prodotti più sani.

Oltre alla tassa, i produttori di alimenti e bevande devono ridurre la quantità di zucchero in una porzione aggiungendo meno zucchero, riducendo le dimensioni delle porzioni o creando prodotti più sani.

Sfortunatamente, sembra che questi passaggi siano probabilmente troppo piccoli, troppo tardi.

Perché il piano PHE non funziona?

Non abbiamo ancora raggiunto il 2020, quindi è possibile che questo possa fare la differenza.

Tuttavia, se facciamo un'ipotesi istruita, sembra davvero che si tratti di un'azione troppo breve presa troppo tardi. Devono ancora essere lodati per aver provato, qualcosa deve essere fatto, ma questo non è in grado di arginare l'epidemia. Perché?

Supponendo che una leggera riduzione di zucchero ridurrà l'obesità e l'epidemia di diabete è quella di semplificare la complessità della nostra ossessione di lunga data con lo zucchero. Non sono solo le calorie associate allo zucchero, ma piuttosto il modo in cui il corpo risponde ad esso.

Ridurre l'assunzione di zucchero del 20% non elimina gli effetti negativi che lo zucchero può avere. Certamente, un minor consumo può ridurre i rischi, ma non è una soluzione al nostro problema dello zucchero.

Assicurati di leggere l'assunzione di zucchero di tuo figlio sta causando malattie alcoliche per saperne di più sugli effetti dello zucchero.

Anche gli effetti dello zucchero a parte, i produttori stanno andando a ridurre il loro contenuto di zucchero volontariamente? La produzione di alimenti e bevande è un enorme settore di profitto.

C'è speranza che la tassa sulle bevande zuccherate contribuisca a incoraggiare le persone ad acquistare meno bevande zuccherine e, a sua volta, i produttori offriranno opzioni più sane. Ma come industria massiccia, dato che il piano PHE è volontario, è molto probabile che l'obiettivo non venga raggiunto.

Dovremmo trattare lo zucchero come le sigarette?

La riduzione dell'uso di sigarette e del cancro ai polmoni mostra che nel tempo campagne mirate di salute pubblica possono fare la differenza.

Negli Stati Uniti, in seguito al rapporto del chirurgo generale sul fumo e la salute, abbiamo assistito a un rapido declino nei tassi di fumo a metà degli anni '60. Tuttavia, non è stato fino a 30 anni più tardi che abbiamo visto i tassi di cancro del polmone non è più in aumento.

Le campagne di salute pubblica volte a ridurre il fumo per ridurre il cancro ai polmoni hanno come obiettivo la cessazione del fumo, non riducendo la quantità di fumo di un individuo. Non hanno incoraggiato a far cadere solo il 20% delle sigarette giornaliere fumate.

Anche quando il numero di fumatori è diminuito, ci sono voluti ancora decenni per vedere i risultati su una scala di salute pubblica. Una volta che il fumo viene fermato, occorrono 20 anni perché il rischio di cancro ai polmoni ritorni alla linea di base.

Ridurre il consumo di zucchero del 20% potrebbe ridurre leggermente i rischi. Tuttavia, non eliminerà ciò che lo zucchero può fare per i nostri corpi. Non annullerà i cambiamenti epigenetici che possono essere trasmessi a un bambino in utero da generazioni di consumo di troppo zucchero.

Leggere le abitudini alimentari durante la gravidanza può influire su tre generazioni - Studiare per saperne di più sulla dieta materna e sui cambiamenti epigenetici

L'autore opzionato Gary Traube afferma: "Questa epidemia ha radici profonde e può richiedere drastiche azioni per frenare. Che la PHE stia recitando è ammirevole. Ma forse dovremmo trattare questo come le sigarette: mirare a ridurre il numero di consumatori di zucchero, piuttosto che la quantità di zucchero che consumano. Ci vorrà ancora del tempo per vedere un effetto, ma le probabilità di successo aumenteranno ".