Risorse per test HIV

Il Video Femminile: video test HIV-AIDS- intervista al prof. M. Andreoni, Roma SIMIT (Novembre 2018).

 
Anonim

Il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è il virus che causa l'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). Il virus prende il nome perché infetta e danneggia parte del sistema immunitario, il sistema di difesa naturale del corpo.

Spesso l'unico modo per sapere se qualcuno è stato infettato dall'HIV è attraverso test. Questo perché le persone sieropositive non possono sapere di avere il virus (1 su 5 persone con HIV non sanno di essere infette). La maggior parte dei segni che qualcuno ha l'HIV non si manifesta fino a quando quella persona non ha sviluppato l'AIDS in piena regola. A quel punto, la persona è più malata e la malattia può essere più difficile da trattare e potrebbe averla diffusa agli altri senza saperlo.

Ecco i fatti su ciò che è implicato nel testare e su chi dovrebbe essere testato per l'HIV e perché.

Chi è a rischio?

L'unico modo conosciuto per trasmettere l'HIV da una persona all'altra è quando si diffonde attraverso i fluidi dal corpo di una persona infetta. Migliaia di adolescenti statunitensi si infettano con l'HIV ogni anno.

Quando gli adolescenti negli Stati Uniti vengono infettati dall'HIV, di solito succede in due modi:

  1. Condividendo gli aghi usati per iniettare droghe o altre sostanze (compresi gli aghi usati per iniettare steroidi, tatuaggi, piercing e body art). Se la persona che ha usato l'ago è infetto da HIV, il suo sangue sull'ago può infettare chiunque altro usi lo stesso ago.
  2. Attraverso il sesso non protetto compreso il sesso anale, vaginale e orale. Ciò può accadere quando fluidi corporei come lo sperma (sperma), i liquidi vaginali o il sangue di una persona infetta entrano nel corpo di qualcuno che non è infetto. Tutti coloro che hanno rapporti sessuali non protetti sono a rischio di contrarre l'HIV, ma le persone che già hanno un'altra malattia a trasmissione sessuale (STD) sono ancora più a rischio.

I bambini possono essere infettati dall'HIV se una donna incinta infetta passa il virus al nascituro. Trattare la madre e il bambino nel momento in cui viene consegnato il bambino, consegnare con taglio cesareo ed evitare l'allattamento al seno può ridurre il rischio di infezione del bambino.

Chi dovrebbe essere testato?

Chiunque abbia 13-64 anni deve essere sottoposto a test per l'HIV almeno una volta. Alcune persone hanno una maggiore possibilità di entrare in contatto con l'HIV - ad esempio, uomini che fanno sesso con uomini o chiunque abbia rapporti sessuali non protetti con un nuovo partner. Chiunque possa entrare in contatto con il virus dovrebbe essere testato ogni anno.

Ragioni per essere testati per l'HIV

La diagnosi precoce è fondamentale per combattere l'HIV e l'AIDS perché:

  • Non esiste una cura per l'HIV, quindi l'individuazione precoce consente a una persona di ottenere un trattamento medico che può rallentare l'avanzamento e gli effetti della malattia.
  • Qualcuno che apprende di essere infetto può adottare le misure e le precauzioni appropriate per prevenire la diffusione della malattia.
  • Le coppie che vogliono rimanere incinte possono agire per cercare di impedire al loro bambino di nascere con l'HIV.

Un altro motivo per essere testati è la tranquillità: un risultato di test negativo può essere un grande sollievo per qualcuno che è preoccupato che lui o lei potrebbe essere infetto.

Che cosa fanno i test

La maggior parte dei test HIV in realtà non cerca il virus stesso; cercano gli anticorpi che indicano che l'HIV è presente nel corpo.

Quando qualcuno ha l'HIV, il sistema immunitario del corpo produce anticorpi per combattere il virus. A differenza degli anticorpi che il nostro sistema immunitario riesce a combattere con successo contro altre infezioni, gli anticorpi contro l'HIV non possono fermare il virus. Ma la loro presenza in gran numero è ciò che appare nei risultati dei test. Gli anticorpi possono richiedere da 2 settimane a 6 mesi per apparire in quantità rilevabili. Quindi, quando qualcuno ha un test HIV, potrebbe non mostrare un'infezione che potrebbe essersi verificata negli ultimi 6 mesi.

Tipi di test HIV

Test clinici
  • Test EIA o ELISA. Questi sono il tipo più comune di test HIV. Di solito ci vogliono alcuni giorni o due settimane per ottenere i risultati. Questo screening testa il campione di sangue per gli anticorpi dell'HIV. Se i risultati dello screening tornano positivi, mostrando la presenza di anticorpi HIV, viene fatto un Western blot.
  • Western Blot. Se il test EIA o ELISA è positivo, i risultati sono confermati da un altro test chiamato Western blot. Se entrambi questi test sono positivi, la persona è quasi sicuramente infetta dal virus HIV. In rari casi, il test EIA può produrre falsi positivi quando gli anticorpi diversi dagli anticorpi dell'HIV rispondono ai test. In questi casi, il Western blot sarà negativo.
  • Test rapidi. I test rapidi sono la rapida alternativa ai test EIA e ELISA e sono altrettanto accurati. Mentre un esame del sangue standard può richiedere 1-2 settimane per restituire i risultati, un test rapido è pronto in circa 20 minuti. Proprio come con i test EIA ed ELISA, anche i test rapidi devono essere confermati con il test Western blot.
Test a domicilio

È possibile acquistare due tipi di kit per il test HIV al banco o online. Un tipo comporta la puntura del dito e la raccolta di una goccia di sangue - questo test è leggermente più accurato. L'altro test prevede la pulizia di un tampone nella bocca. Dopo aver fatto un test dell'HIV a casa, verificate sempre i risultati da un operatore sanitario.

  • Il test della puntura del dito è simile ai test della glicemia che fanno le persone con diabete: si pungono le dita, si mette la goccia di sangue su una scheda appositamente preparata e la si invia a un laboratorio per l'analisi. I risultati sono disponibili (per telefono con un numero di identificazione anonimo) in circa 7 giorni. Questo test è accurato al 99, 9%.
  • Con il test della bocca, pulire un tampone speciale una volta lungo le gengive superiori e inferiori. Quindi inserisci il tampone in una provetta fornita con il kit e i risultati vengono visualizzati in 20 minuti. Questo tipo di test rileva quasi il 92% delle infezioni da HIV.

Dove ottenere testato

Le persone possono essere testate per l'HIV in una varietà di luoghi diversi, come uffici medici, reparti sanitari, ospedali e siti specializzati in test dell'HIV. Alcuni luoghi, come alcune cliniche o ospedali, offrono test a costi ridotti o nulli.

Siti di prova anonimi. Un sito di test anonimo non chiederà mai il nome di una persona o altri dettagli identificativi. Invece, chiunque sia stato testato passa per un numero e lui o lei è l'unico che conosce i risultati del test. Sebbene le persone passino per numeri in siti anonimi, non vengono trattate come un semplice numero. Molti siti anonimi hanno a disposizione consulenti per parlare con la persona sottoposta a test, sia prima che dopo i test. Nessuna traccia scritta del risultato del test è conservata presso siti di test anonimi.

Siti di test riservati. Test confidenziali significa che a un certo punto del processo le persone sottoposte a test dovranno identificarsi. I risultati possono apparire come una relazione scritta nel file medico della persona.

Ogni stato ha leggi diverse sui test HIV, quindi è bene controllare quali sono disponibili nella tua zona. La maggior parte degli stati richiede che i risultati positivi del test HIV vengano segnalati al dipartimento di salute dello stato. Tuttavia, le informazioni sulla salute personale rimangono riservate.

Se i risultati del test sono positivi

Qualcuno che risulta positivo all'HIV dovrebbe:

  • Contattare immediatamente un medico per discutere i modi per rallentare il progresso dell'infezione. Spesso un medico eseguirà più test per valutare lo stato del virus. Una persona con un test positivo potrebbe voler parlare con un medico specializzato in HIV.
  • Interrompere qualsiasi attività che abbia un impatto negativo sul sistema immunitario del corpo, come il fumo, l'uso di droghe, bere eccessivamente o mangiare in modo non salutare.
  • Ottieni ulteriori test per cercare altre malattie sessualmente trasmissibili e malattie. Quando l'HIV è stato trasmesso, anche altre malattie sessualmente trasmissibili potrebbero essere state trasmesse. Poiché l'HIV indebolisce il sistema immunitario, il corpo di una persona sieropositiva può aver bisogno di più aiuto per combattere altre malattie.
  • Lascia che i partner sessuali passati, attuali e futuri sappiano dell'infezione. Le persone che potrebbero essere state esposte dovrebbero essere testate in modo da poterle trattare allo stesso modo. I preservativi dovrebbero essere sempre usati per futuri incontri sessuali per evitare di infettare gli altri.

Le persone che scoprono di essere sieropositive possono sentirsi spaventate, isolate, hanno paura di parlare ad amici e parenti o preoccupati di essere discriminati o fraintesi. Parlare con un consulente o un altro professionista della salute mentale può aiutarli a gestire questi e altri sentimenti.

Alcune cliniche specializzate in HIV e AIDS offrono servizi di consulenza o sanno di gruppi di supporto per chi vive con l'HIV. Questi ambienti sicuri offrono la possibilità di discutere di eventuali paure e ottenere risposte alle domande di persone che si preoccupano e capiscono che cosa sta attraversando qualcuno con l'HIV.

Non esiste una cura per l'HIV, ma avere il virus non è la condanna a morte che era una volta. I governi e gli scienziati stanno investendo molti soldi e ricerche per curare - e, si spera, eventualmente per curare o immunizzare le persone - l'HIV. Con i trattamenti che migliorano rapidamente, le persone che scoprono di avere la malattia oggi possono guardare avanti per vivere una vita normale per molti anni a venire.